venerdì 15 novembre 2013

FOR ART SAKE! The Nameless Store

Mi piace pensare che il mondo creativo sia una specie di famiglia in cui ci si dà da fare anche per gli altri: altri creativi, altri "bisognosi" in genere. Il mondo dell'arte ha assolutamente bisogno di un sistema di supporto reciproco, o sarà costretto a soccombere alle regole del bieco commercio.
Attraverso la mia pagina Facebook ho dato il via ad un gruppo Hic Sunt Monstra [Fun Club] dove ci si scambiano consigli creativi, ci si pubblicizza e dove personalmente appoggio i lavori degli altri creativi con delle schede introduttive alla loro opera, nel pieno rispetto dei gusti e delle scelte.
Riporterò anche qui questi "angoli pubblicitari", cominciando da Christine Orkan Barone e dal suo "The Nameless Store".


NOME: Cristina "Orkan" Barone
NOME D'ARTE: The Nameless Store
COM'E' NATA IN TE QUESTA PASSIONE E COME HAI COMINCIATO?
Ho iniziato 10 anni fa con un progetto totalmente diverso chiamato "Il Banchetto delle Masche" insieme a mio marito. Abbiamo portato le nostre opere in giro per il Nord Italia nelle più grosse fiere e rievocazioni storiche come Celtica di Courmayeur o il Capodanno Celtico di Milano. Purtroppo, due anni fa, mio marito è mancato in un incidente stradale e io, ho dovuto chiudere la mia attività poiché la partita IVA era intestata a lui. Dopo due anni di fermo totale (ho fatto alcuni mercatini ma sono andati malissimo) ho ripreso a creare grazie soprattutto al supporto del mio nuovo socio. Ora abbiamo riaperto da pochissimo (il 5 novembre!) su Etsy perché gli eventi non ci danno la sicurezza di poter guadagnare facendo mercatini o fiere.
SU COSA SI CONCENTRA LA TUA ARTE E PERCHE'? Creo soprattutto con la terracotta. Amo in maniera morbosa i teschi e la sua simbologia, così mi diverto a ricrearlo in un sacco di versioni diverse. Il mio socio, invece, ama la storia e si sta concentrando a creare riproduzioni storiche. La ricerca e lo studio è la parte che ci piace di più, per poi ricreare i nostri oggetti per il pubblico, in modo non solo di offrire ai clienti un bell'oggetto, ma anche una creazione con una storia dietro.
COSA TI APPAGA DI PIU' DEL TUO LAVORO? Assolutamente la parte creativa. Dopo che ho "inventato" la storia, mi piace creare l'oggetto ed averlo poi finito, tra le mani, è la soddisfazione maggiore.
QUAL E' LA COSA CHE TROVI PIU' DIFFICILE? Riuscire a far capire la mia arte al pubblico italiano. Purtroppo qui in Italia l'artista, sopratutto se lo fa come primo lavoro, è visto come una persona che "non ha voglia di lavorare". In 10 anni di Banchetto delle Masche me ne hanno detto di ogni, per non parlare del fatto che una donna "scultore" non è nemmeno presa in considerazione. Infatti facevano tutti riferimento a mio marito, convinti che fosse lui l'unico creatore della nostra attività.
Riuscire a far capire al pubblico che, purtroppo, ha una mentalità da "supermercato" che le cose belle, uniche e, sopratutto, fatte a mano, non si fanno nel giro di cinque minuti perchè non si sa cosa fare nel tempo libero. Questo è l'enorme difficoltà che trovo nel mio campo.
A CHI TI RIVOLGI PRINCIPALMENTE? A tutte quelle persone che hanno un'anima delicata e sensibile a cui piacciono le cose belle e i pezzi unici.
UN OBBIETTIVO CHE AI RAGGIUNTO E UNO CHE VORRESTI RAGGIUNGERE?
Aprire su Etsy è stato uno dei miei obbiettivi principali. Ora vorrei trovare agganci con l'estero per poter vendere anche a negozi, per esempio vorrei trovare negozi interessati ai miei oggetti e che hanno voglia d'investire su di me. Soprattutto in Inghilterra dove ho visto cose meravigliose. E poter un giorno andarmene da questo paese alla deriva e mantenermi con la mia arte.
DESCRIVITI IN TRE AGGETTIVI? Ahahahahahahahah... carina e coccolosa! E fottutamente geniale.

IL MIO NEGOZIO SU ETSY: https://www.etsy.com/it/shop/NamelessStore

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.